Lo stile Saison

0
58
Lo stile saison
Lo stile saison

Chiunque beva birra oltre al sapore, ricerca un vero e proprio appagamento dissetante. Se il gusto è una prerogativa, non tutte le birre possono offrire una bevuta facile che soddisfi la sete. Per fortuna esistono birre come quelle dello stile Saison! Uno stile particolare che racchiude nel suo essere grande aroma e gusto.

Un po’ di storia…

Lo stile Saison ebbe origine nella Vallonia, una zona del Belgio nei pressi di Francoforte ai confini con la Francia. Venne prodotta da fattori e contadini, intorno alla metà dell’Ottocento.

Il nome Saison (dal francese “stagione”) richiama la stagionalità. Il riferimento non era casuale, in quanto proprio alle stagioni era legata la sua produzione. La mancanza di sistemi refrigeranti non permetteva di fare birra durante i mesi estivi, per cui la produzione era limitata ai soli periodi freddi.

Mietitura del grano
Mietitura del grano

A tale proposito, esisteva una legge belga del XIX che vietava la produzione di birra dopo il 29 marzo. Quest’imposizione fu stabilita onde evitare alla temperatura estiva di favorire fermentazioni acide, le quali avrebbero reso le birre imbevibili.

Il Saison era legato anche al lavoro stagionale! Ai raccoglitori di lino e mietitori di grano (chiamati saisonniers) era concessa la possibilità, di percepire come parte del salario fino a 5 litri di questa birra al giorno.

Lo stile Saison

Dopo aver rischiato negli anni Sessanta l’estinzione, oggi lo stile Saison è stato fortemente rivalutato. E’ uno stile belga ad alta fermentazione, in cui il profilo caratteriale e la complessità aromatica prendono il sopravvento.

Nonostante sia particolarmente indicato per la bella stagione, grazie al suo potere dissetante, può essere degustato e apprezzato anche tutto l’anno.

Aspetti organolettici

Per avere un’idea di cosa riservi effettivamente questo stile bisogna affidarsi alle linee guida del BJCP.

Aspetto

Le birre appartenenti allo stile Saison presentano un caratteristico colore arancio chiaro, che varia su tonalità dorate o ambrate. Si accompagnano da un grande cappello di schiuma densa, che può essere di colore bianco avorio. Una caratteristica della schiuma riguarda la produzione dei “merletti di bruxelles” sul bicchiere. L’opacità è spesso presente.

Aroma

Luppolo

L’aroma presenta note fortemente fruttare, con richiami medio alti al luppolo speziato o floreale. Gli esteri fruttati dominano l’aroma con tendenze agrumate di arancia e limone. L’aroma viene ulteriormente arricchito dalle note derivanti dall’aggiunta di spezie oppure dai fenoli del lievito.

Quando i fenoli sono presenti, hanno una tendenza pepata. Può presentare livelli di acidità medio bassa, che non devono sopraffare il complesso aromatico. Solitamente le spezie, il luppolo e i richiami acidi tendono ad aumentare con la forza della birra. Il carattere del malto è sottile, inoltre non presenta diacetile.

Gusto

Il gusto è una combinazione di sapori fruttati (arancia o limone) e speziati, che sono supportati dal carattere delicato del malto. Inoltre è arricchito da una presenza alcolica tendenzialmente bassa o moderata, con richiami acidi che portano asprezza. L’attenuazione elevata accentua la caratteristica secchezza finale.

Spezie
Spezie

L’aggiunta di spezie regala complessità al sapore, ma non deve prevalere sull’equilibrio strutturale della birra. E’ possibile la presenza di fenoli derivanti dal lievito, che completano l’amarezza del gusto. Il sapore di luppolo che rimane comunque basso o moderato richiama note speziate o terrose. L’amarezza del luppolo, che può essere moderata o elevata, non deve sopraffare gli esteri fruttati, le spezie e il malto.

L’influsso del malto rimane leggero e fornisce un supporto agli altri sapori. Può essere presente una certa acidità, che non deve imporsi sul complesso gustativo. Solitamente le spezie, l’amaro, il sapore di luppolo e l’acidità aumentano con la forza della birra, a discapito della dolcezza che diminuisce (Belgian Specialty Ale 7-8,5 %vol.).

La carbonazione è pronunciata, e contribuisce insieme all’acqua solfata e all’alta attenuazione a dare un finale secco. Il retrogusto è lungo, amaro e spesso speziato. Solitamente l’amarezza percepita è superiore a quanto suggerisce il livello IBU.

Il livello alcolico è tendenzialmente medio alto (4,5-6,5 %vol.). Esso comunque non appesantisce con calore la bevuta, che risulta facile grazie al corpo leggero o medio. L’acidità bilancia il finale secco, mentre il carattere aspro rinfresca efficacemente la bevuta.

Accostamenti

Accostamenti
Accostamenti

Le birre in stile Saison offrono diversi abbinamenti. Trovano un ottimo accompagnamento con carni arrosto condite con olio e pepe nero.

Il pesce è abilmente esaltato con un condimento semplice a base di limone. Inoltre si accompagna benissimo ad insalatone colorate, che richiamano l’estate e la freschezza di una bevuta dissetante.

Conclusioni

Le birre in stile Saison possiedono grande complessità. Nella facilità di bevuta è racchiusa l’eleganza del perfetto equilibrio di ogni ingrediente utilizzato in ricetta. Nulla è lasciato al caso! La parte dolce e morbida si accosta a quella amara e secca, regalando stabilità. La parte acida e quella aspra, donano forza alla birra. Il risultato è un sofisticato profilo organolettico che abbina alla bevuta un grande piacere.

Buona birra a tutti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.