Strength in Numbers: La gara tra Brewdog e Schorsch culmina a 57,8 %vol

0
294
Strength in Numbers: La gara tra Brewdog e Schorsch culmina a 57,8 %vol
Strength in Numbers: La gara tra Brewdog e Schorsch culmina a 57,8 %vol

Brewdog una ne fa e cento (sarebbe anche poco) ne pensa! Da sempre attivissimo sulla scena, non smette mai di stupire e d’incuriosire. In poche settimane le prodezze del birrificio scozzese sono passate dal Carbon Negative alla partnership con Aldi, dalle Equity for Punks Tomorrow all’uscita del nuovo calendario dell’Avvento 2020. Tuttavia le rocambolesche avventure Brewdog non finiscono qui! Vogliamo parlare della Strength in Numbers? Si tratta di una bomba birraia con soli (si fa per dire) 57,8 %vol, lanciata ufficialmente il 17 settembre 2020 e considerata attualmente la birra più alcolica del mondo.

Chi segue le vicende di James Watts e Martin Dickie, fondatori Brewdog, sa bene quanto siano anticonvenzionali. Fieri dell’essere diventati l’anti birra industriale, le “folli” gesta di questi ragazzi non si contano di certo sulle dita di una mano.

James watts da un'occhiata al tank
James watts che guarda il tank

Forse vi ricorderete di me per…“, come direbbe il goffo attore Troy McClure de I Simpson, la guida del carro armato diretto a Camden High Street a Londra per lanciare una campagna di crowdfunding; proiettato immagini dei fondatori nudi sui muri delle Houses of Parliament a Londra; fermentato una birra in fondo all’Oceano Atlantico e molto altro ancora, tanto da poterne scrivere un libro! E se proprio un libro si dovesse scrivere, come non citare una delle imprese più epiche del birrificio?

Da oltre un decennio, infatti, tra Brewdog e Schorschbräu si è innescata una sfida a colpi di ABV per la produzione della birra più forte del mondo. Il via vai che ne venne fuori è divenuto oggetto di leggenda birraia.

5ff864a91a8c14448e7f8e0c
Mastro birraio Georg Tscheuschner
Georg Tscheuschner

Il Schorschbräu di Georg “Schorsch” Tscheuschner è un birrificio molto meno appariscente rispetto alla Brewdog, ma di sicuro sa il fatto suo. Nel corso del tempo il birrificio di Gunzenhausen si specializza in birre decisamente alcoliche grazie all’utilizzo del processo Eisbock, che gli permette di realizzare una birra record di 31 %vol. Questo sistema consente, attraverso il congelamento e la rimozione dei cristalli d’acqua contenuti nella birra, di ottenere una bevanda molto alcolica.

james watt e martin dickie vestiti da pinguini

Tuttavia come risaputo le grandi imprese in casa Brewdog sono fonte di stimolo, e quale migliore occasione se non quella di battere il record tedesco? Questione di principio o semplice marketing? Non si sa! L’unica certezza, come immortala il simpatico video che vede James Watt e Martin Dickie vestiti da pinguni, è l’arrivo della Tactical Nuclear Penguin, una birra di 32 %vol.

Fin qui sembrerebbe che la partita sia in mano ai ragazzi del Brewdog, sennonché nel 2010 arriva la risposta del Schorschbräu con la sua Schorschbock dalla modesta gradazione alcolica di 40 %vol. Anche qui però la gloria dura relativamente poco, che subito Brewdog fa il sorpasso con la Sink the Bismarck, una IPA di 41 %vol. Ma da fiero detentore del primo record, Schorschbräu aggiusta il tiro della sua Schorschbock arrivando a 43 %vol.

5ff864a91a8c14448e7f8e0c

L’ultima Schorschbock di 43 %vol rimane imbattuta per un modestissimo periodo di tempo, fino a quando Brewdog decide di mettere il punto sulla questione. Arriva l’edizione limitatissima e costosissima della End of History con 55 %vol, distribuita principalmente nei bar Brewdog. Ma davvero poteva essere la fine della storia?

Schorschbräu 57%
Schorschbräu 57 %vol

Nel 2011 il birrificio della Franconia sfodera l’ultimo asso nella manica, con la Schorschbräu da 57 %vol venduta in bottiglie da 33 cl. Oggi però la storia cambia nuovamente! E’ proprio James Watt ad annunciarlo con un Tweet che dichiara la collaborazione tra Brewdog e Schorschbräu, da cui nasce la nuova Strength in Numbers da 57,8 %vol.

È giunto il momento di scrivere un altro capitolo di questa epica saga – si legge sul sito Brewdog -. Questa volta, è una questione di cameratismo mentre uniamo le forze con Schorschbräu per una grande collaborazione.

La Strength in Numbers è una birra da 57,8 %vol che raggiunge il colossale ABV attraverso il tradizionale metodo Eisbock. La birra presenta anche una miscela di Death or Glory di BrewDog. E’ una birra dorata belga distillata con ghiaccio che è stata maturata in botti di whisky per 10 anni. Il risultato è diverso da qualsiasi cosa tu abbia visto prima o che probabilmente vedrai di nuovo“.

La Strength in Numbers è disponibile solo sullo shop Brewdog in bottiglie da 40 ml al costo di 28,95 £ (circa 31,70 €) più spese di spedizione. Sicuramente è una birra da provare, se non andasse letteralmente a ruba!

Buona birra a tutti.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.