Birra Moretti filtrata a freddo: oltre al design rinnovato c’è molto di più!

0
142
Birra Moretti filtrata a freddo: oltre al design rinnovato c'è molto di più!
Birra Moretti filtrata a freddo: oltre al design rinnovato c'è molto di più!

Il mondo della birra si evolve ogni giorno, con trovate e con gusti sempre differenti. Certo, non tutte le birre sono di qualità e, tra le tante proposte, la manifattura artigianale vince quasi sempre sulle statiche offerte industriali. Ovviamente il mondo artigianale e quello industriale sono emisferi difficilmente equiparabili, sia per la qualità delle materie prime utilizzate, che per le modalità di realizzazione e distribuzione dei rispettivi prodotti. Tuttavia il mondo dell’industria birraia corre veloce, rincorrendo assiduamente quel pregio insito negli attenti processi di lavorazione che donano lustro alla birra artigianale. Così sempre più spesso spuntano birre industriali che ostentano raffinate tecniche produttive, le quali promettono di elevare il livello qualitativo dei prodotti delle grandi multinazionali. E’ il caso della nuova Birra Moretti filtrata a freddo, l’ultima arrivata del gruppo, che assicura una bevuta differente e dissetanti, con puliti equilibri organolettici.

logo birra moretti

Birra Moretti nasce nel lontano 1859, quando Luigi Moretti aprì a Udine la sua fabbrica di birra e ghiaccio. Dopo svariate prove, un anno dopo l’apertura della fabbrica, arriva la prima bottiglia di birra. La produzione fu un vero successo, al punto da diventare un riferimento per i friulani e non solo.

Oggi l’azienda di Udine, facente parte del gruppo Heineken Italia S.P.A, propone birre che spaziano dalla classica Lager a prodotti più complessi e ricercati. Tra queste spunta la Moretti filtrata a freddo, che attraverso una bottiglia dal nuovo design propone una birra facile da bere, intensamente dissetante e dalla bilanciata nota amara.

Le novità dietro il nuovo design di Birra Moretti filtrata a freddo

Cosa c’è di nuovo? Beh la filtratura ovviamente, che praticata a -1 °C restituisce una birra priva di sedimentazione e residui di lievito in sospensione, migliorando di fatto la pulizia organolettica. Ma non solo! Cambia anche il design e il vetro, diverso delle altre birre del gruppo.

Birra Moretti filtrata a freddo

Si tratta infatti di una bottiglia realizzata con vetro flint, acromatico e trasparente. Questa tecnologia, simile a quella delle bottiglie di colore verde, garantisce un’adeguata protezione dai raggi UV del sole, che altrimenti degraderebbero la struttura organolettica della bevanda.

Anche l’etichetta viene rivoluzionata! Infatti, quella di Birra Moretti Filtrata a Freddo si presenta per la prima volta a 360°. Una modalità, come puntualizza l’azienda, che permette di raccontare al meglio tutti gli elementi di questa birra innovativa: dagli ingredienti, alle modalità di produzione con un approfondimento sul processo di filtrazione a freddo.

5ff864a91a8c14448e7f8e0c

Con un colore brillante paglierino, la Moretti Filtrata a Freddo regala note fruttate e di fiori bianchi, con un gusto fresco, dissetante, bilanciato, dalla delicata nota amara. Buona nell’accompagnare primi a base di pesce e verdure, insalate, rustici e dolci alla frutta.

La sponsorizzazione della nuova birra, girata da Gabriele Mainetti insieme alla colonna sonora di Tommaso Paradiso con la sua “Ricordami“, è già iniziata e proseguirà nelle prossime settimane con una pubblicità dedicata a tutta la famiglia Moretti.

Buona birra a tutti.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.