Salviamo la birra: L’unione che fa la forza!

0
108
Salviamo la birra
Salviamo la birra

Quante volte è stato ripetuto che il Covid-19, il virus capace di mettere sotto assedio l’Italia e il mondo intero, non colpisce solo la salute? La TV e gli altri mezzi informativi lo hanno detto allo stremo: la forza di questo virus, va oltre la salute. Questo nemico invisibile, che non si accontenta della cosa più preziosa, distrugge dignità, socialità e come se non bastasse anche l’economia. Infatti l’aspetto economico (seppur nullo rispetto alle migliaia di vite già spese) è tra i campi più disastrati. Per far fronte a questo grande problema sono nate diverse piattaforme, che permettono di “mettere una pezza” alle perdite dovute all’inevitabile lockdown. Tra le tante idee spunta “Salviamo la Birra”, un portale che vuole unire i produttori e i publican in un meccanismo di supporto comune.

Come funziona Salviamo la Birra?

La piattaforma ideata dalla beer firm Il Confine e il beer-shop La Sete, nasce per sostenere tutta la filiera in modo coeso. L’acquisto di birre sul portale significherà aiutare tutta la filiera brassicola (birrifici, pub, bar, ristoranti, beershop, brewpub, beerfirm, associazioni), in quanto il ricavato delle vendite sarà suddiviso tra tutti gli aderenti all’iniziativa.

Attraverso la selezione Shop sarà possibile selezionare il birrificio desiderato, e scegliere le birre preferite che saranno inviate direttamente a casa. La lista dei produttori, rigorosamente italiani e in continuo aggiornamento, vede riunite sotto la stessa bandiera firme importanti con prodotti d’eccellenza, che hanno portato alto il nome della cultura brassicola italiana.

L’acquisto

Le spedizioni saranno gestite direttamente da ogni produttore, così da poter acquistare scatole di singole birre o mix predefiniti. Le spese di spedizione, considerando la dislocazione logistica, sono calcolate per ogni birrificio (con un minimo di 2 scatole dallo stesso birrificio le spedizioni saranno incluse). Dopo l’acquisto si potrà scegliere se ricevere subito le birre a casa (se possibile nella zona), oppure averle dopo l’emergenza o col diminuire delle restrizioni. Il ricavato dell’acquisto sarà diviso tra tutti i partecipanti dell’iniziativa Salviamo la Birra, per far fronte all’emergenza e consentire una ripartenza più rapida. Inoltre parte degli introiti saranno devoluti in beneficenza alla Protezione Civile Italiana.

Buona birra a tutti.

Articolo precedenteBirra artigianale: Lo scacco matto del Coronavirus!
Articolo successivoRitual Lab: GDO ancora l’Italia non è pronta!
Avatar of Il Birraio Matto
L'approccio alla birra? Pura curiosità! Col tempo la curiosità si è tramutata in passione e voglia d'imparare, scoprendo aspetti di una bevanda per niente scontata. Quasi per caso scopro la possibilità di fare birra in casa, e da lì la passione diventa qualcosa di più. Autodidatta convinto, ho iniziato a divorare pagine di libri, blog e forum, fino a realizzare nel 2015 la mia prima birra in casa! D'allora ad oggi, la voglia d'imparare e scoprire nuovi aspetti della birra non si è mai placata. Ma una cosa in realtà da quel 2015 è cambiata: la consapevolezza che il mondo della birra è un viaggio infinito e meraviglioso! Buona birra a tutti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.