venerdì, 18th Gennaio, 2019
Lo Stile ALE

Lo stile ale, è una delle tecniche brassicole, più antiche in assoluto. Trova le sue origini in Inghilterra, dove i britannici, definivano  con l’espressione “ale”, la loro birra tradizionale, prodotta ad alta fermentazione.

Si trattava di una birra relativamente semplice, molto fruttata e dolce. Con una discreta schiuma e con una gradazione alcolica contenuta, in cui i lieviti, lavoravano a temperature più alte (15-25 gradi).

Fu proprio il suo modo di fermentare, che spinse i birrai del passato a produrre questa birra, in quanto il lievito utilizzato, riusciva a lavorare a temperature maggiori, adattandosi quindi alle condizioni ambientali, rispetto ad altri stili.

Oggigiorno è ancora così, come secoli fa. Diventando lo stile per eccellenza dell’alta fermenazione.

Uno stile antico, quanto apprezzato specialmente nel Nord Europa e Nord America. Le birre prodotte in stile ale, risultano essere molto aromatizzate, per via della formazione di esteri nel corso della fermentazione. È frequente infatti degustare birre in stile ale, con sentori fruttati di banana, ananas o pera.

Lo stile ale, non vanta una gradazione alcolica elevata. Infatti la sua percentuale si aggira intorno ai 3-6 %, a differenza dei cugini belgi, che hanno sapientemente saputo riprodurre questo stile (belgian ale), con una percentuale alcolica molto più elevata. I belgi infatti, nonostante abbiano caricato le loro birre con una gradazione alcolica più elevata, sono rimasti fedeli allo stile, caratterizzato dall’alta fermentazione.

Uno stile fondatore

Lo stile ale, è stato il padre fondatore di diverse sottocategorie, suddivise, in base al colore e al contenuto alcolico. Tra queste categorie, trovano menzione stili come, pale aleblanche, stout e porter.

Semplice curiosità

Nel medioevo la birra in stile ale, era molto apprezzata, in quanto considerata il “pane liquido”. Bevanda ricca di calorie, più pulita e più sicura, delle acque che a quel tempo sgorgavano da pozzi o ruscelli. Tutto questo, dovuto principalmente alla bollitura e al luppolo, che insieme all’alcool erano il conservante per eccellenza.

 

Buona birra a tutti

Il birraio matto

Tags:

Related Article

0 Comments

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.