Home News Birra a colazione: ipotesi possibile o impossibile?

Birra a colazione: ipotesi possibile o impossibile?

0
Birra a colazione: ipotesi possibile o impossibile?
Birra a colazione: ipotesi possibile o impossibile?

La cosiddetta “Primavera della birra” (fenomeno gastronomico, culturale e socio-economico che segna la crescita di consumo e gradimento della birra artigianale) ha letteralmente stravolto, nell’immaginario collettivo italiano, l’opinione ormai obsoleta e denigrante su una delle bevande più antiche di sempre.

Venti anni fa, infatti, la concezione di birra in Italia si riduceva esclusivamente ai sapori standard delle classiche Lager industriali. Oggi però, fortunatamente, la considerazione verso questa bevanda è notevolmente cambiata, con nuovi modi di berla e degustarla. Modi di consumo che, oltrepassando il “classico” pub, interessano i momenti caratterizzati dai pasti più importanti della giornata.

La birra per l’appunto diventa una bevanda importante da abbinare con gusto a diverse portate. Pranzo e cena sono sicuramente le circostanze di maggior consumo, in cui anche i meno attenti agli accostamenti dei sapori amano degustare, tra una pietanza e l’altra, la fresca leggerezza di una birra, soprattutto artigianale. Tuttavia, il pranzo e la cena forse non bastano più, perché tra i momenti più consoni alla bevuta di una birra spunterebbe anche la colazione! Ma è così sbagliato considerare l’ipotesi di degustare una birra a colazione?

Bere birra a colazione: una tradizione d’oltre confine che potrebbe diventare il nuovo trend italiano

La birra a colazione, in realtà, non è una novità. Per molti paesi, che di questa bevanda ne hanno fatto una cultura, la birra consumata nelle ore mattutine è una vera e propria tradizione. Un esempio di questo tipo riguarda proprio la cultura Tedesca e Austriaca. In queste nazioni nel fine settimana o nei giorni festivi è usuale fare il frühschoppen, ovvero un brunch salato accompagnato spesso da una Weizen.

In Baviera invece, nella tarda mattinata si pratica il brotzeit. Si tratta di uno spuntino salato che si compone di piatti tipici bavaresi, tra cui pretzel, kartoffelkäse (crema di patate e formaggio), obatzda (formaggio bavarese condito con spezie) e carni varie. Questo momento di tradizione, svolto spesso in birreria, si accompagna alla Bayerisches Bier IGP, una tipica birra bavarese di colore chiaro o scuro, dal sapore variabile (da leggermente amaro ad aromatico-maltato) e una gradazione alcolica tra 0,5 e 9 %vol.

Altri esempi di birra a colazione si trovano anche oltreoceano, in particolare nel South Dakota e Midwest Americano dove la Red Beer, una birra mista a succo di pomodoro, è un culto. Bere birra a colazione è usuale anche in Messico con la Michelada o “cerveza preparada“, una bevanda a base di spezie, succo di lime, pomodoro e tabasco. Una birra considerata un ottimo rimedio post-sbornia e una perfetta alternativa per l’aperitivo o il dopo cena.

Quindi che fine farà la colazione all’italiana?

Di certo, le usanze italiane sono differenti rispetto alle colazioni/brunch d’oltre confine. Ovviamente la colazione è il pasto più importante della giornata e per questo va consumato regolarmente e nel modo più salutare possibile. Tuttavia la colazione per l’italiano non è solo un pasto, bensì un vero e proprio rito.

Che sia beva latte, caffe o cappuccino, mentre, leggendo il giornale, si assapora il cornetto, i cereali o le fette biscottate con marmellata, la colazione in Italia ha certe regole a cui difficilmente gli italiani saprebbero rinunciare. Un attaccamento che tuttavia è anche giusto difendere, perché riguarda la cultura, l’orgoglio e il modus operandi di un popolo abituato a consumare del cibo invidiato in tutto il mondo.

Questo però, non dovrebbe nemmeno rappresentare una chiusura totale verso altre culture e modi di fare. Bere birra a colazione, infatti, potrebbe essere un alternativa da provare, che attraverso accostamenti studiati, darebbe maggiore risalto ai sapori dolci o salati dei piatti tipici del mattino. Dunque si potrebbe pensare all’abbinamento di birre dolci e poco alcoliche oppure a versioni che richiamano i sapori torrefatti di caffè o cioccolato per un accostamento meno traumatico ai devolti dell’espresso!

Ovviamente va ricordato che la birra è sempre una bevanda alcolica e per tale motivo l’abuso provoca danni al corpo umano. Di conseguenza, che sia a colazione, pranzo, cena oppure tra amici, la moderazione è il valore aggiunto che rende la degustazione della birra ancora più speciale.

Buona birra a tutti.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.